CATEGORIE CATASTALI: cosa sono e perchè sono importanti ai fini dell'IMU?

Come funziona il catasto e come vengono classificati gli immobili?

A cosa corrispondono le categorie catastali?

Ad ogni immobile viene assegnata una categoria identificata con una lettera, in base alla tipologia.

  • A: per le abitazioni e per le relative pertinenze,
  • B: per gli immobili pubblici,
  • C: per gli immobili di tipo commerciale,
  • D: per gli immobili di tipo industriale,
  • E: per gli immobili speciali.

Le unità immobiliari urbane sono classificate in tre gruppi distinti con le lettere A, B, C

Nello specifico, le categorie catastali degli immobili del gruppo A sono le seguenti:

  • A/1: abitazioni di tipo signorile;
  • A/2: abitazioni di tipo civile;
  • A/3: abitazioni di tipo economico;
  • A/4: abitazioni di tipo popolare;
  • A/5: abitazioni di tipo ultrapopolare;
  • A/6: abitazioni di tipo rurale;
  • A/7: abitazioni in villini;
  • A/8: abitazioni in ville;
  • A/9: castelli, palazzi di eminente pregio artistico e storico;
  • A/10: uffici e studi privati;
  • A/11: abitazioni e alloggi tipici dei luoghi (es. rifugi di montagna).

 

Le categorie catastali degli immobili del gruppo B sono:

  • B/1 Collegi e convitti, educandati; ricoveri; orfanotrofi; ospizi; conventi; seminari; caserme
  • B/2 Case di cura ed ospedali (senza fine di lucro)
  • B/3 Prigioni e riformatori
  • B/4 Uffici pubblici
  • B/5 Scuole e laboratori scientifici
  • B/6 Biblioteche, pinacoteche, musei, gallerie, accademie che non hanno sede in edifici della categoria A/9
  • B/7 Cappelle ed oratori non destinati all'esercizio pubblico del culto
  • B/8 Magazzini sotterranei per depositi di derrate

Le categorie catastali degli immobili del gruppo C invece sono:

  • C/1: negozi e botteghe;
  • C/2: magazzini e locali di deposito:
  • C/3: laboratori per arti e mestieri;
  • C/4: fabbricati e locali per esercizi sportivi;
  • C/5: stabilimenti balneari e di acque curative;
  • C/6: stalle, scuderie, rimesse e autorimesse;
  • C/7: tettoie chiuse o aperte.

 

Le categorie catastali ai fini IMU:

La categoria catastale è utile per determinare la rendita catastale di un immobile, in modo da capirne il valore sul quale calcolare determinate imposte quali, ad esempio, l'IMU o l'imposta di successione.

 

Ma come calcolarlo?

Ad ogni categoria catastale è associato un coefficiente che varia da comune a comune.

 

Formula di calcolo Imu: un esempio pratico

  1. Rendita catastale rivalutata: 500 euro *5% = 525 euro.
  2. Applicazione del coefficiente (in base alla categoria catastale e al comune): 160 x 525 = 84.000.
  3. Aliquota IMU pari a 10,6% = 890,40 euro, di cui il 50%, ossia, 445,02 euro da pagare in acconto a giugno e l'altro 50% a metà dicembre.

Dal 2019 però le cose potrebbero cambiare, perché potrebbe essere ridata la possibilità ai comuni di aumentare le aliquote per far fronte ai sacrifici imposti loro dalla manovra in discussione.

L’Imu non si paga sugli immobili adibiti a prima casa, ma tra gli esonerati rientrano anche coloro che posseggono terreni agricoli in aree montane.

 

Dichiarazione Imu 2019: quando va presentata?

La dichiarazione Imu 2019 va presentata entro il 30 giugno dell’anno successivo rispetto alla data in cui il possesso dell’immobile ha avuto inizio.

Per cui quella relativa al 2018 va presentata entro il 30 giugno 2019, mentre quella relativa al 2019 va presentata entro il 30 giugno 2020.

 

Per rimanere aggiornato sulle ultime tendenze del settore immobiliare, principalmente di Milano, ti consigliamo di cliccare qui e di mettere il like alla nostra pagina Facebook

Condividi su

Ultime news

L’andamento del mercato immobiliare nel 2019: quanto vale la tua cas...

PATRIMONIO IMMOBILIARE: facciamo un po’ di chiarezza

TUTELA PATRIMONIALE degli acquirenti di immobili da costruire

Non sai da dove iniziare?

Se hai bisogno di supporto per la ricerca del tuo immobile e per gestire le fasi di compravendita e locazione, contatta Smith Agency.

Contattaci

Hai tutti i documenti a posto?

Contattaci se vuoi una consulenza prima di vendere il tuo immobile: riceverai una relazione tecnica dettagliata da presentare agli acquirenti.

Richiedi una consulenza